Unsplashed background img 1

Felices



C’era na vote...


un farese che con chitarre e tamburi cantava:
“eh... oh... ah ah ah ah... eh... oh... ah ah ah ah... Pòpele nostre, assaje furtunate, da chelu ‘Ndonie meraculàte, nu’ te purtème dendr’a lu core, è dducent’anne e arde ancore...
è dducent’anne e arde ancore...
eh... oh... ah ah ah ah... eh... oh... ah ah ah ah...”



È un’antichissima tradizione, una millenaria narrazione, quella che anima le parole e i gesti del musicante, un artista girovago, un cantastorie, cui l’intera comunità, anticamente, affidava la millenaria memoria collettiva. Dagli aedi greci ai menestrelli medievali, dai trovatori provenzali al vero e proprio cantastorie abruzzese il passo è breve. Il musicante di Fara Filiorum Petri tutt’oggi accompagna i compaesani dediti alla costruzione delle Farchie con brani che fanno rivivere luoghi, odori, profumi, lotte, battaglie e passioni, atti e avvenimenti di storia locale, ninne nanne, mestieri, sentimenti e pensieri di un popolo. Nelle sue parole, stornellate con l’ausilio di strumenti come la ddu’ bbòtte, intensifica le tradizioni popolari della sua terra fino a renderle mito, tramandando un patrimonio culturale di inestimabile valore.






Once upon a time...


A citizen from Fara Filiorum Petri was singing with his guitars and drums:
“eh... oh... ah ah ah ah... eh... oh... ah ah ah ah... Popul’ nostr’, assaj fortunat’, da chi lu Ndonij miraculat’, nu ti purtem’ dentr’ a lu’ cor’, è ducent ann’ e ard’ ancor’...
è ducent ann’ e ard’ ancor’...
eh... oh... ah ah ah ah... eh... oh... ah ah ah ah...”



It is an ancient tradition, a thousand-year narration, that animates the words and gestures of the “musician”. He was a wandering artist, a storyteller, to whom the entire community, in ancient times, entrusted the millennial collective memory. From the Greeks to the medieval minstrels, from the Provencal troubadours to the real storyteller from Abruzzo, the gap is small. The musician of Fara Filiorum Petri still accompanies his “paesani” devoted to the construction of the Farchie with songs that make re-live places, smells, perfumes, struggles, battles and passions, acts,events of local history, lullabies, crafts, feelings and thoughts of the people live. In his words, tuned with the aid of tools such as the “du botte” (accordion), he intensifies the popular traditions of his land so much that he makes them a myth, leaving a cultural heritage of inestimable value.


Denominazione e Origine Uve
PASSERINA Terre di Chieti IGP - vino BIANCO

Il vitigno Passerina deriva il suo nome dalle piccole dimensioni degli acini e dal fatto che i passeri manifestano una particolare predilezione per le sue uve, caratterizzate da una polpa particolarmente gustosa. Diffuso nelle Marche e in Abruzzo, è stato rilanciato solo di recente in quanto dimenticato e sostituito dal più produttivo Trebbiano.


Appellation and Grapes Origins
PASSERINA Terre di Chieti IGP - WHITE wine

The Passerina vine name comes from the small size of its berries and from the fact that the sparrows show a particular predilection for this grape, due to a particularly tasty pulp. Widespread in the Marche and Abruzzo regions, it has only recently been re-launched because it was forgotten and replaced by the more productive Trebbiano.




Degustazione e Servizio

Alla vista si presenta di colore giallo paglierino, caratterizzato da note olfattive delicate, bouquet floreale con note di fiori bianchi, fumè e nocciola. Al palato è agrumato, sapido, lungo, minerale e fresco. Si abbina in modo ottimale con antipasti di pesce, cucina marinara, carni bianche e formaggi a media stagionatura. Temperatura ottimale 9-11 °C


Tasting Notes and Service

At sight it has a straw yellow colour, characterized by delicate olfactory notes, floral bouquet with notes of white flowers, smoky and hazelnut. On the palate it is citrus, savoury, long lasting, mineral and fresh. It is excellent with seafood appetizers and dishes, white meats and medium-aged cheeses. Optimal temperature 9-11 °C