Unsplashed background img 1

Fortitudo



C’era na vote...


una tavola sulla Majella dove i briganti si fermavano per riposare.
Non era una tavola imbandita a festa, ma una lastra di pietra dura, di pietra della Majella.



Sulla Majella, imponente ed aspra, con le sue grotte, fitte faggete, valloni e precipizi, ci sono, ancora oggi, importanti testimonianze storiche, tra cui la Tavola dei Briganti, un insieme di lastroni calcarei sui quali briganti e pastori hanno graffito i loro nomi, le loro storie.
Si trova in località Blockhaus, in prossimità di quello che nel 1863 era un avamposto militare ricostruito dai piemontesi sulle fondamenta di un antico edificio borbonico come deterrente per il passaggio dei briganti. Questi ultimi venivano nottetempo ad irridere i soldati incidendo i loro nomi e lasciando messaggi antiunitari proprio a due passi dal fortino.
Il più noto così recita: “Leggete la mia memoria per i cari lettori. Nel 1820 nacque Vittorio Emanuele Re d’Italia. Prima era il regno dei fiori, ora è il regno della miseria.“
Le storie dei briganti della Majella sono storie vive di un periodo caratterizzato dalla miseria, dalla povertà, che si snodano come una matassa lungo tutto il versante appenninico della Montagna Madre.







Once upon a time...


there was a table on the Majella mountain where the brigands stopped to rest.
It was not a table ready for a party, but a hard stone slab, made out of Majella stone.



On Majella, impressive and rugged, with its caves, dense beech woods, valleys and precipices, there are still important historical testimonies, including the “Tavola dei Briganti”, a set of limestone slabs on which bandits and shepherds have scratched their names and their stories.
It is located in Blockhaus, near what in 1863 was a military outpost rebuilt by the Piedmontese on the foundations of an ancient Bourbon building as a deterrent for the passage of bandits. During the night bandits were making fun of the soldiers engraving their names and leaving anti-unification messages few steps away from the fort.
One of the most popular says: “Read my memory for the dear readers. In 1820 Vittorio Emanuele King of Italy was born. Before it was the kingdom of flowers, now it is the kingdom of misery“.
The stories of the Majella brigands are living stories recalling a period characterized by misery, poverty, which unwind along the entire Appennine slope of the Mother Mountain.


Denominazione e Origine Uve
CERASUOLO D'ABRUZZO DOP - vino ROSE'

Il Montepulciano è un vitigno autoctono del centro Italia ed in particolare della zona tra Marche e Abruzzo. Ne danno testimonianza diversi documenti risalenti al 1700.
La sua terra nativa sembra essere Torre de’ Passeri in provincia di Pescara.


Appellation and Grapes Origins
CERASUOLO D'ABRUZZO DOP - ROSE' wine

Montepulciano is a native vine of central Italy and in particular of the area between Marche and Abruzzo. There are several documents dating back to 1700 that testify it.
Its native land seems to be Torre de ‘Passeri in the province of Pescara.




Degustazione e Servizio

Alla vista si presenta di colore rosa ciliegia intenso e brillante, caratterizzato da fragranze di lamponi, melagrana e toni balsamici. Si riscontra una netta sapidità e sensazione tannica. Al palato si evidenzia un'attacco gustativo impetuoso con note fruttate e floreali, scalpitante e fresco. Si abbina in modo perfetto per accompagnare antipasti e zuppe di pesce, primi di pasta, formaggi delicati, arrosti purché leggeri. Questo vino è perfetto anche con piatti non impegnativi come la pizza. Temperatura ottimale 12-14 °C


Tasting Notes and Service

At sight it has an intense and bright cherry pink color, characterized by raspberry, pomegranate and balsamic fragrances. There is a clear sapidity and tannic sensation. On the palate there is an impetuous gustatory attack with fruity and floral notes, which are both scalping and fresh. It goes perfectly together with appetizers and fish soups, pasta dishes, delicate cheeses, roast as long as light. This wine is perfect even with non-binding dishes like pizza. Optimal temperature 12-14 °C